Centro Servizi abbandonato di Azzano San Paolo - Bergamo: differenze tra le versioni

Da WikiSpesa.
Share/Save/Bookmark
 
Riga 2: Riga 2:
  
 
[[File:Centro servizi bergamo.png]]
 
[[File:Centro servizi bergamo.png]]
 +
  
 
'''La struttura'''
 
'''La struttura'''
  
 
Il ''gigante addormentato'' è stato abbandonato ancor prima di essere concluso, nel 1994. Si tratta di 127 mila metri cubi distribuiti su una superficie di 55 mila metri quadri e 5 piani, dotati di 8 ascensori. E' costato 100 miliardi di vecchie lire, pagati direttamente dallo Stato italiano tramite il Ministero delle Finanze. [http://www.ecodibergamo.it/stories/bergamo-citta/centro-servizi-il-labirinto-degli-sprechiguarda-il-reportage-di-bergamo-tv_1178171_11/]
 
Il ''gigante addormentato'' è stato abbandonato ancor prima di essere concluso, nel 1994. Si tratta di 127 mila metri cubi distribuiti su una superficie di 55 mila metri quadri e 5 piani, dotati di 8 ascensori. E' costato 100 miliardi di vecchie lire, pagati direttamente dallo Stato italiano tramite il Ministero delle Finanze. [http://www.ecodibergamo.it/stories/bergamo-citta/centro-servizi-il-labirinto-degli-sprechiguarda-il-reportage-di-bergamo-tv_1178171_11/]
 +
  
 
[[File:Centro servizi bergamo 2png.png]]
 
[[File:Centro servizi bergamo 2png.png]]
 +
  
 
'''Costo-opportunità'''
 
'''Costo-opportunità'''
Riga 14: Riga 17:
  
 
La totale mancanza di responsabilità e lungimiranza da parte dello Stato imprenditore si è tradotta in una perdita netta per i consumatori italiani, i cui risparmi sono stati investiti in un'opera tanto inutile quanto costosa. Ingente è anche il danno causato alla popolazione locale costretta a vivere vicino a un ecomostro di cemento, oggi frequentato da graffitari e senza tetto, con tutte le esternalità negative che ne conseguono per il mercato immobiliare della zona.  
 
La totale mancanza di responsabilità e lungimiranza da parte dello Stato imprenditore si è tradotta in una perdita netta per i consumatori italiani, i cui risparmi sono stati investiti in un'opera tanto inutile quanto costosa. Ingente è anche il danno causato alla popolazione locale costretta a vivere vicino a un ecomostro di cemento, oggi frequentato da graffitari e senza tetto, con tutte le esternalità negative che ne conseguono per il mercato immobiliare della zona.  
 +
  
 
[[File:Centro servizi di bergamo 3.png]]
 
[[File:Centro servizi di bergamo 3.png]]

Versione attuale delle 17:04, 29 nov 2016

Il "Centro Servizi" in questione, ribattezzato dalla stampa locale "il gigante addormentato", è una struttura statale inutilizzata e in stato di degrado situata al confine tra i comuni di Azzano San Paolo e Bergamo.

Centro servizi bergamo.png


La struttura

Il gigante addormentato è stato abbandonato ancor prima di essere concluso, nel 1994. Si tratta di 127 mila metri cubi distribuiti su una superficie di 55 mila metri quadri e 5 piani, dotati di 8 ascensori. E' costato 100 miliardi di vecchie lire, pagati direttamente dallo Stato italiano tramite il Ministero delle Finanze. [1]


Centro servizi bergamo 2png.png


Costo-opportunità

L’obiettivo originario era ospitare i 730 e i 740 cartacei dell’intera Lombardia. L'edificio doveva dunque essere adibito ad archivio. Nonostante la costruzione sia stata realizzata a cavallo degli anni '90, le dimensioni dell'archivio si confanno evidentemente a canoni d’altri tempi, essendo stato pensato ignorando completamente i progressi della tecnologia. Già allora, infatti, i computer potevano custodire documenti in modo sicuro limitando gli spazi. Solo poco più di 20 anni più tardi lo stesso compito può essere svolto da hard disk con dimensioni ridottissime.

La totale mancanza di responsabilità e lungimiranza da parte dello Stato imprenditore si è tradotta in una perdita netta per i consumatori italiani, i cui risparmi sono stati investiti in un'opera tanto inutile quanto costosa. Ingente è anche il danno causato alla popolazione locale costretta a vivere vicino a un ecomostro di cemento, oggi frequentato da graffitari e senza tetto, con tutte le esternalità negative che ne conseguono per il mercato immobiliare della zona.


Centro servizi di bergamo 3.png