Treni-notte (Ferrovie dello Stato): differenze tra le versioni

Da WikiSpesa.
Share/Save/Bookmark
(Creata pagina con 'File:treninotte.jpg In molti scali ferroviari italiani giacciono numerose carrozze dismesse in stato di degrado, delle quali è stato documentato il caso di ingente sprec...')
Riga 16: Riga 16:
  
 
[http://www.quotidianopiemontese.it/2011/12/30/lo-scandalo-dei-treni-notte-prima-ammodernati-e-poi-dismessi-fotogallery/?pid=3682 www.quotidianopiemontese.it/2011/12/30/lo-scandalo-dei-treni-notte-prima-ammodernati-e-poi-dismessi]
 
[http://www.quotidianopiemontese.it/2011/12/30/lo-scandalo-dei-treni-notte-prima-ammodernati-e-poi-dismessi-fotogallery/?pid=3682 www.quotidianopiemontese.it/2011/12/30/lo-scandalo-dei-treni-notte-prima-ammodernati-e-poi-dismessi]
[[Category:Trasporti]][[Category:Trenitalia]]
+
 
 +
<!-- Categorie -->
 +
 
 +
[[Category:Infrastrutture]]
 +
[[Category:Trasporti]]
 +
 
 +
[[Category:Trenitalia]]

Versione delle 05:47, 8 mag 2014

Treninotte.jpg

In molti scali ferroviari italiani giacciono numerose carrozze dismesse in stato di degrado, delle quali è stato documentato il caso di ingente spreco pubblico della flotta "treni-notte". La soppressione del servizio ferroviario notturno di Trenitalia (a eccezione di due tratte che dalla Puglia arrivavano a Bologna e due tratte che da Sicilia e Calabria arrivavano fino a Roma e Milano, per un totale di 8 treni andata e ritorno) ha comportato la dismissione della flotta che ne era impiegata. All'interruzione del servizio non è però corrisposta l'attivazione di attività di manutenzione delle carrozze dismesse, molte delle quali nell'incuria e in progressivo stato di degrado. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera[1] i lavoratori del Binario 1 promotori di iniziative di protesta iniziate nel 2001 dichiaravano di avere documenti che certificavano che «dal 2007 ad oggi Trenitalia ha speso per il rinnovo dei treni notturni 350 mila euro per ogni carrozza, per un totale di circa 42 milioni. Treni lasciati marcire sui binari». Trenitalia replicò che la cifra non corrispondeva al vero, ma senza fornire alcuna altra cifra. Nonostante l'azienda abbia dichiarato di escludere interventi di ripristino sulle carrozze dopo il 2007, dalle immagini girate nelle officine Rsi risulta che i vagoni fossero sottoposti fino al 2010 a operazione di restauro consistenti che non hanno però condotto alla riattivazione dei treni restaurati, nuovamente abbandonati. Secondo l'ufficio stampa di Trenitalia «l’obsolescenza delle vetture fa della demolizione la destinazione preferita per i vagoni notte». La seconda opzione della vendita all’estero risulta infatti compromessa dalla mancata o inefficiente manutenzione e dal deterioramento che ha fatto perdere valore alla flotta per uno spreco milionario di risorse pubbliche.

Fonti

www.corriere.it/inchieste/spesi-42-milioni-treni-notte

torino.repubblica.it/cronaca/2012/03/31/news/treni_notturni_abbandonati

www.quotidianopiemontese.it/2011/12/30/lo-scandalo-dei-treni-notte-prima-ammodernati-e-poi-dismessi